QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Promozione nelle scuole


Da 10 anni Confcooperative Emilia Romagna offre a studenti tra i 16 e i 19 anni di tutta l'Emilia Romagna, e da quest'anno fino a 21 anni in ambito universitario, l'opportunità di prendere parte ad una stimolante esperienza di formazione imprenditoriale a fini mutualistici.

La valenza didattica e formativa dell'educazione cooperativa è stata riconosciuta a livello nazionale anche dalla firma di un Protocollo d'Intesa tra il MIUR e Confcooperative. Queste iniziative avvicinano gradualmente i ragazzi ai meccanismi che permettono la nascita, lo sviluppo e la gestione di una realtà cooperativa, attraverso esperienze concrete di imprenditorialità. Un tipo di formazione ritenuta dalla Commissione Europea la più efficace strategia educativa di lungo periodo per la crescita e l'occupabilità dei giovani

Attraverso il piano d'azione Imprenditorialità 2020 e la comu­nicazione «Ripensare l'istruzione», la Commissione Europea ha infatti sottolineato l'esigenza di inserire l'apprendimento dell'impren­ditorialità in tutti i settori dell'istruzione, compreso l'appren­dimento non formale. Secondo la Commissione, infatti, il potenziamento dell'educazione all'imprenditorialità nelle scuole, negli istituti di formazione professionale e nelle università avrà un impatto positivo sul dinamismo imprendi­toriale delle nostre economie: alcune ricerche mostrano che gli allievi e gli studenti partecipanti sono dalle 3 alle 6 volte più inclini ad avviare un'attività più avanti nella loro vita rispetto a coloro che non hanno ricevuto un'educazione all'im­prenditorialità. In aggiunta a questo, promuovere specificatamente il modello cooperativo fra le nuove generazioni significa non soltanto formare potenziali futuri imprenditori, ma anche giovani consapevoli, motivati e più responsabili nei confronti della propria collettività.

In questo contesto anche gli insegnanti hanno un ruolo centrale, dal momento che eser­citano una forte influenza sui risultati raggiunti dai discenti. Come competenza chiave, l'imprenditorialità non coinvolge necessariamente una specifica materia scolastica, ma richiede piuttosto un metodo di insegnamento in cui l'apprendimento esperienziale e il lavoro su progetti svolgano un ruolo primario. Per ispirare i propri allievi e studenti e per aiutarli a sviluppare un'attitudine imprenditoriale cooperativa, gli insegnanti neces­sitano di un'ampia gamma di competenze correlate a creati­vità e imprenditorialità e cooperazione, nonché di un ambiente scolastico dove la creatività e l'assunzione di rischi vengono incoraggiate e gli errori sono reputati un'opportunità di apprendimento.

Al tempo stesso il tessuto produttivo dei nostri territori sta cambiando sulla spinta dell'innovazione tecnologica e delle opportunità ad essa connesse, che consentono di proiettare anche le PMI e le imprese sociali su mercati globali. Queste trasformazioni hanno un impatto nel modello cooperativo, che si trova oggi di fronte alla sfida di rispondere a nuovi bisogni e possono beneficiare di nuovi opportunità economiche sostenute dalla rivoluzione digitale. Da studi svolti dalla Confcooperative ER risultano numerosi i casi di cooperative tradizionali e nuove startup mutualistiche che stanno innovando nei propri settori di riferimento e che vengono messe in contatto con gli studenti con modalità partecipate di confronto, perché siano di ispirazione e materia di formazione.

A partire da queste premesse e dal contesto di riferimento le nuove attività di formazione, ispirazione, simulazione e accompagnamento sul fare impresa in forma cooperativa, anche in ambiti innovativi, in alcune scuole superiori e Università dell'Emilia-Romagna, con azioni dedicate sia agli studenti che agli insegnanti, mettendo in rete i principali attori che sono nodi strategici per il successo dell'iniziativa: associazione di categoria del mondo cooperativo; imprese cooperative; scuole; Università; la rete degli incubatori d'impresa del mondo cooperativo.

 

Attività che si dettagliano operativamente in:

  • Attività di sensibilizzazione, orientamento e simulazione del modello cooperativo come strumento di autoimprenditorialità centrato su valori e competenze;
  • Realizzazione di associazioni cooperative scolastiche (ACS, perviste dal Protocollo d'Intesa tra il MIUR e Confcooperative);
  • Laboratori di sperimentazione con le Università;
  • Workshop-formatori di approfondimento e co-progettazione tra insegnanti, imprese e spazi di incubazione cooperativa su possibili sperimentazioni di alternanza scuola-lavoro;
  • Scambio di materiali e buone prassi sulle pratiche dell'educazione cooperativa in sinergia con il progetto UE Learn More About Coop e altri progetti nazionali ed europei realizzati.