QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Perché associarsi


L'impresa cooperativa e il movimento di rappresentanza rispondono a tre esigenze fondamentali:

  • Diffondere la democrazia: la democrazia politica non può durare a lungo se non è continuamente alimentata dalla democrazia economica.
  • Rispondere alla questione della Giustizia Sociale: nell'impresa cooperativa il tempo della produzione e della distribuzione è il medesimo; ciò la differenzia da tutte le altre imprese.
  • Riesce a rispondere, anche nei momenti di crisi, al bisogno del lavoro: tale bisogno fondamentale è lo strumento con il quale l'uomo conosce se stesso. Nella prospettiva cristiana il lavoro contribuisce all'opera creatrice di Dio. L'impresa cooperativa tutela e promuove la realizzazione piena della dimensione materiale dell'essere umano.

Non sono solo i connotati valoriali e strutturali di base che consigliano l'adesione delle cooperative e delle imprese sociali a Confcooperative che per le sue caratteristiche è interlocutore ineludibile delle istituzioni politiche e sociali del Paese.

Associarsi a Confcooperative vuol dire questo e altro ancora, ma anzitutto accompagnare il Paese alla sfida della modernità con le radici affondate in una visione “integralmente umana” dei rapporti economici, nel rispetto dell'ideale sturziano, sorprendentemente attuale, di un'Italia Cooperativa: “il domani sarà nostro quando l'Italia potrà riprendere le tradizioni gloriose delle sue maestranze, dei suoi artigiani e dei suoi primi cooperatori, e dare al lavoro d'insieme un impulso così largo da poter veramente realizzare il sogno di un'Italia Cooperativa (L. Sturzo, Brooklyn 27 marzo 1946).

Organizzata orizzontalmente in otto federazioni di settore che coprono la totalità delle dimensioni dell'economia italiana.
Confcooperative ha attivato, tra l'altro, strumenti di partecipazione per il coinvolgimento delle donne cooperatrici e dei giovani cooperatori.