QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

RIVOLUZIONE DIGITALE PER LA COOPERATIVA BOLOGNESE SACA

Aderente a Confcooperative e leader nel settore della mobilità delle persone e delle merci, ha chiuso il 2016 con un bilancio positivo: i ricavi sfiorano i 45 milioni di euro, il patrimonio netto supera i 5 milioni

RIVOLUZIONE DIGITALE PER LA COOPERATIVA BOLOGNESE SACA

SACA “sposa” la tecnologia: all'interno della cooperativa bolognese, aderente a Confcooperative e leader nel settore della mobilità delle persone e delle merci, è infatti iniziata l'era 4.0, una vera e propria rivoluzione industriale che prevede un'ampia digitalizzazione.

“Nella prima fase – dichiara il presidente, Alessio Passini – questa novità interessa i processi operativi e amministrativi di controllo e i rapporti con gli stakeholders e crea un circolo virtuoso che consente di proiettare con successo SACA nel mercato del futuro. Questa importante innovazione proseguirà anche nei prossimi anni fino a coinvolgere l'intera organizzazione aziendale”.

“La rivoluzione tecnologica – sottolinea Passini – si coniuga perfettamente con la filosofia della cooperativa che negli ultimi anni, per garantire alla propria clientela la massima qualità del servizio, ha scelto tra l'altro di modificare l'assetto interno dei mezzi di trasporto e ha puntato con decisione sulla sicurezza, sulla formazione continua dei conducenti, sul rispetto dell'ambiente.  

“A questo proposito – prosegue Passini – nel 2016 SACA ha investito oltre 3 milioni di euro per sostituire alcuni autobus e pullman con nuovi mezzi modernissimi a ‘impatto ambientale zero'. Con questa operazione, la nostra cooperativa prosegue il percorso che in poco più di 24 mesi l'ha portata a cambiare oltre 30 automezzi della propria flotta e ad innovare tutta la filiera”. Continua quindi sistematicamente il processo di aggiornamento di autovetture, mezzi commerciali, pullman turistici e autobus per il trasporto pubblico locale, alcuni dei quali, in questo segmento, sono alimentati a metano. Con queste ultime immissioni nel parco veicolare, alla fine del 2016, oggi la flotta di SACA risponde interamente alle classi ambientali Euro 5 e Euro 6”.

“SACA – dichiara il presidente – si conferma un importante network privato per la mobilità delle persone, in grado di offrire ai propri clienti un servizio efficiente con autobus di ultima generazione non ancora utilizzati da molti altri players in Emilia Romagna e nel resto d'Italia. La cooperazione dimostra ancora una volta la propria capacità di garantire sviluppo economico e crescita sociale al territorio”.

“Il 2016 si è rivelato quindi un anno importante per la cooperativa bolognese, che oltre a mettere in cantiere investimenti di rilievo per aumentare costantemente il livello di sicurezza dei propri mezzi e il rispetto dell'ambiente ha chiuso in positivo il bilancio con quasi 45 milioni di ricavi e oltre 5 milioni di patrimonio netto” – sottolinea il presidente. “Sono aumentati soci (oggi pari a 169) e dipendenti, che hanno raggiunto quota 212 (con l'assunzione di giovani ma anche di cinquantenni espulsi dai cicli produttivi dopo un'adeguata formazione e riconversione); l'età media è diminuita e si attesta sui 35 anni”. Altri posti di lavoro, a regime una trentina, potranno poi essere creati dagli investimenti nella filiera della logistica previsti dal Piano di Sviluppo Triennale approvato dal Consiglio di Amministrazione per un importo di 5 milioni di euro.

Dal punto di vista operativo, SACA con i suoi servizi è attiva sui territori di Bologna/Modena/Reggio Emilia/La Spezia e Genova. “Molte le novità avviate nel 2016 e in questi primi mesi del 2017 – conclude il presidente Alessio Passini. Nel corso del 2016 sono iniziati i servizi di trasporto turistico per le compagnie navali delle Crociere che attraccano a La Spezia e un trasporto circolare, che parte da La Spezia per arrivare alle Cinque Terre e poi ritornare alla cittadina ligure, denominato “EXPLORA  5 terre”, molto apprezzato dagli utenti/clienti. Dal 1° giugno 2017 è poi partito un collegamento da Reggio Emilia per l'aeroporto di Bologna con sette corse giornaliere e tempi di percorrenza di 55 minuti. Si tratta di un investimento piuttosto impegnativo dal punto di vista finanziario, ma senza dubbio importante in quanto consente di aumentare di oltre 500.000 persone il bacino di utenti/clienti a cui si rivolge il nostro servizio. Una scelta in linea con lo slogan che contraddistingue la cooperativa SACA ‘Innovazione e investimenti per una nuova proposta di servizi'.