QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

Markets&Tools: quarto appuntamento della formazione alla internazionalizzazione

Nel penultimo incontro formativo i partecipanti sono giunti al cuore del progetto di sviluppo di impresa all'estero promosso da Federlavoro e Servizi Emilia Romagna

Markets&Tools: quarto appuntamento della formazione alla internazionalizzazione

Con il penultimo incontro di formazione, si giunge al cuore del progetto Markets&Tools, percorso di formazione per lo sviluppo di impresa all'estero, promosso da Federlavoro e Servizi Emilia Romagna e organizzato da Irecoop Emilia Romagna con la collaborazione di INDACO.

L'incontro, svoltosi il 16 febbraio scorso presso Confcooperative Emilia Romagna, si è focalizzato sull'analisi di due paesi specifici, Polonia e Repubblica Ceca, utilizzati come caso di studio e modello per le successive ricerche dei paesi target.  In particolare, i paesi oggetto di analisi sono stati scelti in quanto dotati di caratteristiche interessanti per l'export, quali ad esempio la crescita esponenziale nel settore dei servizi. Inoltre, si tratta di due paesi dove il settore industriale si sta rafforzando considerevolmente e dunque con ottime capacità di assorbimento per le imprese estere che vogliono espandere la propria attività ed aprire nuovi mercati. Ai fini dell'analisi, si sono presi in considerazione i competitors presenti nei due paesi, i dati di mercato e i dati di settore (ad esempio le regolamentazioni, le certificazioni, i dazi doganali, l'incidenza dei costi di trasporto…).  

Per affrontare questi passaggi chiave del processo di internazionalizzazione con la metodologia idonea, è opportuno adottare determinati accorgimenti: ad esempio, consultare le liste degli espositori nelle fiere per analizzare nuovi competitors e essere sempre aggiornati sui tassi di cambio per comprendere i trend nel lungo termine di un paese in un determinato settore. Occorre dunque elencare tutte le attività del proprio piano export: una vera e propria “lista delle spesa” delle attività che si vuole fare, ad esempio: il monitoraggio delle gare, la partecipazione a queste, i contatti con i partner e elaborare un calendario delle missioni che si intendono effettuare durante l'arco di un anno. Infine, è necessario stabilire come si intende misurare i risultati, che non sono esclusivamente determinati dal fatturato prodotto dalle attività di vendita/servizio, ma anche legati alle abilità acquisite o alla qualità dei contatti presi a livello commerciale.

Il piano export si verifica dunque delineando obiettivi, attività, tempo e persone a disposizione, in grado di sviluppare un percorso concreto e sicuro sul mercato estero di riferimento. Lo start up dunque deve essere costruito in base a fasi predefinite:

  • formazione e conoscenza (missioni di sistema e ricerca di mercato);
  • esplorazione e ricerca di opportunità (ricerca distributori/partner/imprese da acquisire, missioni di esplorazione commerciale/test di mercato, partecipazioni a fiere);
  • pianificazione (formulazione di un piano strategico, di un piano operativo, identificazione delle risorse necessarie a sostenere i percorsi);
  • consolidamento (supporto legale e amministrativo, attività promozionali, export temporary management, costi per eventuale adattamento del prodotto);
  • gestione (promozione, trasferte internazionali, meccanismi di controllo).

Specialmente durante la fase di esplorazione, la comunicazione e la ricerca marketing sono aspetti fondamentali per la buona riuscita delle diverse attività, in particolare se si vogliono realizzare missions, B2B e iniziative di incoming.

Il prossimo ed ultimo incontro della formazione Markets&Tools si svolgerà il 9 marzo, presso la Sala Arancio di Confcooperative Emilia Romagna.

Il progetto Markets&Tools è co-finanziato dalla Regione Emilia Romagna e si inserisce all'interno di un piano operativo per sviluppare l'internazionalizzazione delle imprese cooperative territoriali. La formazione, articolata in cinque incontri in aula e successivamente, attraverso iniziative di consulenza mirata e costruita attorno alle specifiche delle imprese, si prepone l'obiettivo finale di una vision concreta e pratica per la potenziale penetrazione dei mercati esteri.

Leggi qui tutte le precedenti news relative al progetto: