QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

IL PRESIDENTE DELLA REGIONE STEFANO BONACCINI VISITA L'OROGEL

Ad accoglierlo i vertici dell'azienda: l'amministratore delegato Bruno Piraccini, il direttore generale Giancarlo Foschi, il vicepresidente Maurizio Tortolone e il direttore marketing Luca Pagliacci 

IL PRESIDENTE DELLA REGIONE STEFANO BONACCINI VISITA L

Tappa cesenate per il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che ha visitato gli stabilimenti di Orogel a Pievesestina.

Ad accoglierlo i vertici dell'azienda: l'amministratore delegato Bruno Piraccini, il direttore generale Giancarlo Foschi, il vicepresidente Maurizio Tortolone e il direttore marketing Luca Pagliacci con i quali Bonaccini ha discusso di diversi temi di attualità tra i quali gli orizzonti occupazionali che si profilano nel futuro a medio termine in Emilia Romagna. 

“Sono veramente molto soddisfatto di avere avuto l'occasione di conoscere questa azienda che rappresenta un'eccellenza dell'imprenditoria emiliano romagnola - ha dichiarato il presidente Bonaccini al termine della sua visita in Orogel - che, come mi hanno mostrato, continua a crescere e investire sul territorio in maniera robusta consolidandosi sempre più sul mercato nazionale ma che al contempo si sta muovendo molto bene anche sul fronte dell'export. Per quanto ci riguarda, come amministrazione regionale, con la firma del ‘Patto per il Lavoro'  ci siamo impegnati a porre le politiche del lavoro e le aziende al centro della nostra attenzione con la ferma intenzione di fare tutto quanto è in nostro potere per sostenerle”.

“Siamo stati molto felici di poter ospitare il presidente Stefano Bonaccini - ha commentato l'amministratore delegato di Orogel, Bruno Piraccini - che con la sua visita ha mostrato un reale interesse per la nostra realtà che da tempo si impegna per migliorarsi, crescere e portare valore e lavoro sul territorio. Abbiamo trovato nel presidente quell'attenzione e quell'ascolto che siamo certi saranno di sostegno a tutte le aziende emiliano romagnole”.