QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

EMILIA ROMAGNA: I SEGNALI POSITIVI SI CONSOLIDANO E SI ESTENDONO A UN NUMERO SEMPRE MAGGIORE DI IMPRESE

Pur con la consapevolezza di alcune criticità ancora da superare, la regione ha messo in archivio un 2017 caratterizzato da una ripresa condivisa da tutti i settori. È questa l'immagine che emerge dall'indagine congiunturale su quarto trimestre e anno 2017, con previsioni 2018 sull'industria manifatturiera, realizzata in collaborazione tra Unioncamere Emilia-Romagna, Confindustria Emilia-Romagna e Intesa Sanpaolo.

EMILIA ROMAGNA: I SEGNALI POSITIVI SI CONSOLIDANO E SI ESTENDONO A UN NUMERO SEMPRE MAGGIORE DI IMPRESE

I segnali positivi si consolidano e si estendono a un numero sempre maggiore di imprese. Pur con la consapevolezza di alcune criticità ancora da superare, l'Emilia-Romagna ha messo in archivio un 2017 caratterizzato da una ripresa condivisa da tutti i settori.

È questa l'immagine che emerge dall'indagine congiunturale sul quarto trimestre e anno 2017, con previsioni 2018 sull'industria manifatturiera, realizzata in collaborazione tra Unioncamere Emilia-Romagna, Confindustria Emilia-Romagna e Intesa Sanpaolo.

Si conferma la forte vocazione manifatturiera dell'economia regionale in cui resta determinante il ruolo del settore industriale cresciuto nell'anno del 2,3% e importante il contributo del comparto costruzioni, tornato a crescere dopo nove anni di recessione.

La prospettiva è per un 2018 con trend positivo, in cui secondo le previsioni di Prometeia, l'Emilia-Romagna si confermerà prima regione italiana per crescita davanti alla Lombardia, con un incremento del PIL stimato intorno all'1,9 per cento.

Venendo all'analisi del quarto trimestre 2017, il volume della produzione dell'industria in senso stretto, rispetto all'analogo periodo del 2016, è aumentato del 4,1% con una forte accelerazione riguardo al trimestre precedente e quello delle vendite del 4,7%.

Allargando l'analisi all'intero anno, il 2017 si è chiuso con una crescita produttiva del 3,2% ben superiore all'1,5% del 2016, mentre il fatturato è salito del 3,6%, sostenuto dall'aumento del 4,2% del fatturato estero. L'incremento degli ordini è stato più contenuto (+3,2%).

Tutti i settori hanno registrato un aumento della produzione: a fare da traino l'ampio aggregato delle industrie meccaniche, elettriche e dei mezzi di trasporto (+4,5%), la metallurgia e le lavorazioni metalliche (+4,0%); notevole l'accelerazione anche per l'industria alimentare (+2,6%). Qualche affanno per la moda

Secondo l'indagine Istat, in Emilia-Romagna, l'occupazione dell'industria in senso stretto ha chiuso il 2017 con una flessione del 2,6%, dato su cui incidono vari fattori, dalla difficoltà di reperire figure professionali cercate dalle imprese alla progressiva automazione di alcune fasi del processo produttivo. Se però si guarda all'intera economia regionale il saldo è positivo, più 0,3% nell'anno 2017, e la disoccupazione è scesa al 6,5%.

Nel 2017, il saldo fra iscrizioni e cessazioni dell'industria in senso stretto è stato negativo (-1,5%). Lieve tendenza negativa per le società di capitale (-0,3%), mentre è più sensibile il calo delle società di persone (-4,3%) e ditte individuali (-0,9%). Sono soprattutto i comparti della ceramica e del sistema moda a perdere imprese soprattutto società di persone: questo significa che il dato può essere letto anche positivamente se si associa a rafforzamento delle imprese esistenti.

I dati Istat dell'export 2017 attestano una forte accelerazione delle esportazioni dell'industria emiliano-romagnola in senso stretto che sono ammontate a circa 58 miliardi e 508 milioni di euro, vale a dire un lieve aumento del 6,8%.

A livello settoriale, il risultato è da attribuire principalmente all'importante industria dei macchinari e delle apparecchiature (+30,3 per cento), seguito da metallurgia e prodotti in metallo (+11,4%).

Riguardo ai mercati di sbocco, le imprese emiliano-romagnole hanno aumentato le vendite dei prodotti in tutto il mondo, con la sola eccezione dell'Africa. L'export si rivolge per due terzi all'Europa. Buona quindi l'accelerazione sui mercati europei (+7,9%) per il 65% del totale. Stessa tendenza, all'interno (+7,9%) per il mercato Ue (59,6%). In accelerazione le esportazioni verso la Russia (+14%), e tornano a crescere i mercati asiatici (+7,1%) e quelli americani (+6,8%). Verso la Cina è boom (+20,9%)

Nel 2018, l'economia regionale (secondo gli scenari di previsione di Prometeia) dovrebbe registrare una crescita reale del 3,3% del valore aggiunto dell'industria in senso stretto, più elevata rispetto a quanto prospettato per l'Italia (+3,1%).

Oggi nel manifatturiero possiamo cogliere segnali positivi. A fare la differenza non sono tanto dimensione di impresa o settore di attività, bensì la capacità di stare sui mercati, investire, essere all'interno di filiere. Sono le esportazioni e l'accelerazione del ciclo di investimenti a trainare la crescita dell'economia regionale, mentre i consumi delle famiglie, pur presentando qualche segnale, faticano ancora. – sottolinea il Vice Presidente di Unioncamere Emilia-Romagna, Giorgio Tabellini I dati presentano molte luci di un percorso di crescita, che dalle imprese driver più strutturate ha coinvolto poi quelle più piccole. C'è però qualche ombra perché diminuiscono le imprese e cala l'occupazione manifatturiera. Si tratta di un aspetto da tenere sotto osservazione nei prossimi mesi, per valutare quanto sia dovuto ad aggiustamenti congiunturali che si ridurranno di fronte al consolidarsi della ripresa, oppure quanto sia l'effetto di un cambiamento strutturale nel tessuto produttivo regionale”.