QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

DOPPIA TRASFERTA TEDESCA PER BRIO A FRUIT LOGISTICA E BIOFACH

Realtà di primo piano nella produzione di ortofrutta biologica e nella commercializzazione di prodotti alimentari bio

DOPPIA TRASFERTA TEDESCA PER BRIO A FRUIT LOGISTICA E BIOFACH

I buoni risultati ottenuti nel 2016 dalla società di Campagnola di Zevio (VR), che ha commercializzato oltre 370.000 quintali di prodotti (+10% sul 2015) con un fatturato vicino ai 70 milioni di euro (+12%), saranno presentati agli operatori internazionali nell'ambito di due importanti appuntamenti fieristici in programma in Germania nelle prossime settimane.

All'inizio di febbraio, BRIO parteciperà a Fruit Logistica, la principale rassegna mondiale dedicata all'ortofrutta con quasi 2.900 espositori provenienti da più di 80 paesi di tutti i continenti e distribuiti su un'area di oltre 170.000 metri quadrati. In programma a Berlino dall'8 al 10 febbraio, la manifestazione, giunta quest'anno alla 25^ edizione, riunirà i principali attori del settore, che potranno incontrare i produttori e i dirigenti di BRIO all'interno dello spazio Italy (Stand A-02 – Padiglione 2.2), la grande area espositiva, gestita da CSO Italy, che ospiterà oltre 50 imprese leader dell'ortofrutta italiana, tra cui il Gruppo Alegra, su una superficie di quasi 1.200 metri quadrati.

A Biofach, la più importante rassegna internazionale per il biologico con oltre 2.300 espositori, in programma a Norimberga dal 15 al 18 febbraio, la società veronese parteciperà invece con un proprio stand (n. 246 – Padiglione 6), completamente rinnovato. Caratterizzato dal claim “BRIO e Alce Nero, insieme per l'ortofrutta biologica”, lo spazio espositivo darà ampio risalto ai volti dei soci agricoltori.

“Una scelta – dichiara il direttore commerciale BRIO, Tom Fusato – con cui desideriamo rimarcare il nostro forte legame con la terra, nato nel 1989, quando ha avuto inizio la nostra storia costruita da 15 agricoltori che con passione hanno scelto di coltivare biologico, in modo equo e attento alla qualità, nel rispetto dell'ambiente”. “Nel corso degli anni – prosegue Fusato – abbiamo registrato un rapido e costante sviluppo e oggi contiamo 443 aziende agricole, una produzione ortofrutticola di quasi 317.000 quintali, una superficie complessiva di 4.950 ettari di coltivazioni biologiche di cui 1.690 investiti a colture frutticole e orticole”.

“In occasione della rassegna di Norimberga – afferma il direttore generale BRIO, Andrea Bertoldi – presenteremo agli operatori stranieri le caratteristiche ed i primati dei nostri prodotti ortofrutticoli biologici sviluppati assieme ad Alce Nero, da trent'anni espressione dell'agricoltura bio, di cui siamo soci dal 2011. Una gamma ampia e qualificata, che negli ultimi mesi si è ulteriormente arricchita di nuove, originali, produzioni”. “Tutti questi elementi – conclude Bertoldi – hanno consentito di ottenere un grande successo sul territorio italiano, dove nel 2016 i prodotti ortofrutticoli di Alce Nero hanno registrato un aumento del 14% a valore e del 9% in volume rispetto al 2015”.