QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

CONSERVE ITALIA, UNA VALANGA DI DONAZIONI PER LE COMUNITA'

Nell'esercizio 2017-18 la solidarietà ha fatto centro: distribuite 700 tonnellate di prodotti

CONSERVE ITALIA, UNA VALANGA DI DONAZIONI PER LE COMUNITA

Dai succhi e nettari di frutta alle passate e polpe di pomodoro, dai legumi e cereali in scatola ai sughi pronti, senza dimenticare la frutta sciroppata. Sono solo alcuni dei prodotti alimentari che ogni anno Conserve Italia dona a enti e organizzazioni non profit, associazioni di volontariato, parrocchie e comunità religiose, per una quantità complessiva che sfiora le 700 tonnellate. Questa almeno è la cifra raggiunta nell'esercizio appena concluso dal Gruppo cooperativo con sede a San Lazzaro di Savena (Bo), leader italiano nella trasformazione alimentare con i marchi Valfrutta, Cirio, Yoga e Derby Blue. Dal luglio 2017 al giugno 2018, Conserve Italia ha infatti distribuito le eccedenze di produzione rifornendo quelle realtà caritatevoli che si occupano del sostegno alle famiglie povere e alle persone emarginate.

“Le eccedenze alimentari che devolviamo – commenta Pier Paolo Rosetti, direttore generale di Conserve Italia – derivano da prodotti non commercializzabili ma ampiamente commestibili e da produzioni invendute, ma non mancano anche quote di produzione che doniamo direttamente invece di immetterle sul mercato. Queste buone pratiche, che portiamo avanti da oltre vent'anni, scaturiscono da quei valori di mutualità, solidarietà e condivisione che sono caratteristici del sistema cooperativo di cui facciamo orgogliosamente parte. La responsabilità sociale d'impresa rappresenta un asset strategico sul quale Conserve Italia ha sempre investito e continuerà a farlo ancora di più; donare prodotti significa creare valore sociale nei territori e generare benefici ambientali, evitando che quella merce diventi rifiuto”.

Tra le principali realtà sostenute da Conserve Italia spiccano a livello nazionale il Banco Alimentare e l'associazione Amici del Benin, ai quali nell'ultimo anno sono state donate 330 tonnellate di prodotti. Altre 160 tonnellate sono andate invece ai missionari attivi in Perù dell'Operazione Mato Grosso promossa dalle Missioni Don Bosco Onlus.

Sono numerose poi le associazioni di volontariato e sportive sostenute da Conserve Italia nel territorio bolognese e regionale. In particolare a San Lazzaro di Savena, il Gruppo cooperativo partecipa alla Happy Hand, la tre giorni di sport, arte musica e spettacolo organizzata dall'Associazione Willy The King Group per sensibilizzare i cittadini sul tema della disabilità e promuovere l'inclusione delle persone con difficoltà di ogni tipo. A Bologna, invece, Conserve Italia è partner anche del torneo di basket “Gallo da tre” che vede la collaborazione del Quartiere Saragozza e dell'Associazione La Ricotta, una manifestazione finalizzata ad abbattere le barriere e che mette sullo stesso campo persone normo-dotate e persone in carrozzina.

Ma il sostegno ai più deboli da parte di Conserve Italia non si ferma alla donazione delle eccedenze di prodotto. Non mancano infatti le realtà non profit aiutate con contributi economici. E' il caso dell'Associazione Bimbo Tu Onlus che aiuta i piccoli pazienti pediatrici dei reparti di Neuropsichiatria e Neurochirurgia dell'ospedale Bellaria di Bologna, con l'obiettivo di allietare il ricovero e fornire un supporto alle famiglie. Il sostegno fornito quest'anno dal Gruppo cooperativo a Bimbo Tu Onlus contribuirà alla ristrutturazione di un immobile a San Lazzaro, donato dalla Curia di Bologna all'Associazione per farne un centro dove ospitare in maniera gratuita le famiglie con figli ricoverati al Bellaria. I lavori di ristrutturazione partiranno ad ottobre e nel grande giardino sarà realizzato un parco giochi inclusivo per dare la possibilità ai bambini disabili di giocare insieme agli altri bambini, con percorsi sensoriali dedicati agli utenti e alle famiglie, così come ai cittadini.