QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

BIOLOGICO, ALLEANZA COOPERATIVE: BENE EMENDAMENTO CHE STANZIA 44 MILIONI PER MENSE SCOLASTICHE BIO

Apprensione anche per iter approvazione al Senato del disegno di legge dell'agricoltura biologica. “Si acceleri la conversione in legge, è un'ottima opportunità di riorganizzazione del settore”

“Lo stanziamento di fondi per le mense scolastiche biologiche certificate inserito nell'ultima manovra in discussione alla Camera è un progetto interessante che valutiamo positivamente. Potrebbe essere uno sbocco importante per i prodotti biologici italiani, purché nel successivo decreto di attuazione che andrà a gestire la certificazione delle mense biologiche, venga riconosciuta una premialità per chi rifornisce le mense di prodotti nazionali”. Così Andrea Bertoldi, Coordinatore del Settore Biologico dell'Alleanza delle Cooperative Agroalimentari commenta la proposta di sviluppo del segmento delle mense scolastiche biologiche contenuta in un emendamento alla “mini manovra” che prevede la possibilità per le scuole (dagli asili nido a quelle dell'infanzia, dalle primarie alle secondarie di primo e secondo grado) di attivare la certificazione di mensa biologica: sarà necessario garantire percentuali minime di utilizzo di prodotti biologici e rispettare i requisiti e le specifiche tecniche fissate dal Ministero. L'emendamento prevede lo stanziamento di un fondo complessivo di 44 milioni di euro a decorrere dal 2017, destinato anche ad iniziative di informazione e promozione.

Bertoldi sollecita anche “una accelerazione dell'iter di approvazione del disegno di legge sull'agricoltura biologica, attualmente all'esame in Commissione agricoltura al Senato e che rischierebbe di non essere approvato qualora la legislatura terminasse in anticipo. Sarebbe davvero una occasione persa non riuscire a convertire in legge dello Stato un testo che oltre ad essere un'ottima opportunità di riorganizzazione per il settore biologico, va nella direzione di un rafforzamento della posizione dei produttori in un approccio aggregativo e di filiera”.

 

Nella foto: Andrea Bertoldi, Coordinatore Settore Biologico - Alleanza Cooperative Agroalimentari.