QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

TERREMOTO E SOLIDARIETA': TORNA 'NATALE PER L'EMILIA'

È il progetto di welfare aziendale di tre cooperative sociali aderenti a Confcooperative Modena

 

TERREMOTO E SOLIDARIETA

Riparte “Natale per l'Emilia”, il progetto di welfare aziendale lanciato nel 2012 da tre cooperative sociali aderenti a Confcooperative Modena – Eortè di Soliera, Oltremare di Modena e Vagamondi di Formigine –, insieme all'associazione Venite alla Festa (comunità di famiglie) e al gas La Festa (gruppo di acquisto solidale), entrambi di Limidi di Soliera.

"Natale per l'Emilia” è una promozione di confezioni natalizie contenenti prodotti di aziende emiliane, selezionate sulla base della cura del loro lavoro, la qualità e trasparenza della filiera, le garanzie per i lavoratori e l'ambiente. Tra i prodotti delle confezioni ci sono il Parmigiano Reggiano dei caseifici La Cappelletta di S. Possidonio e 4 Madonne di Lesignana, il condimento balsamico alla mela e alla pera della cooperativa Cipof di San Possidonio, i prodotti equosolidali di Oltremare e Vagamondi.

«Questa iniziativa è nata nel 2012 per sostenere l'economia colpita dal sisma dell'Emilia – ricordano i promotori - Non è un'operazione di beneficenza, ma l'occasione per rimettere al centro persone e attività della nostra provincia. Chi ha scelto di acquistare le confezioni di "Natale per l'Emilia" ha contribuito ad accrescere le opportunità di lavoro e sostenuto piccoli produttori del nostro territorio incentivando un'economia solidale e locale».

Tra il 2012 e 2017 sono state vendute 16.334 ceste “Natale per l'Emilia”, per un fatturato complessivo di 528 mila euro, mentre ammonta a 6.193 euro la somma complessivamente devoluta a progetti di solidarietà.

«L'anno scorso abbiamo aiutato un'associazione di giovani imprenditori di Arquata, anche loro colpiti dal terremoto. Quest'anno, invece, - concludono i promotori di “Natale per l'Emilia” - proponiamo di sostenere un progetto di cooperazione internazionale nell'Amazzonia peruviana in collaborazione con l'ong Terra Nuova di Roma».