QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

PIACENZA, PRESENTATO IL PREMIO COOPIN. VALORIZZAZIONE E INNOVAZIONE LE PAROLE D'ORDINE

Il bando è rivolto, oltre che alle coop, anche a imprese sociali, associazioni e società che lavorano nel privato sociale

PIACENZA, PRESENTATO IL PREMIO COOPIN. VALORIZZAZIONE E INNOVAZIONE LE PAROLE D

Valorizzazione e innovazione sono i due punti cardine del premio “Coopin - Premia l'innovazione. Aperta. Cooperativa” ideato da Confcooperative Emilia Romagna che coinvolgerà anche il territorio. piacentino. Il bando, aperto a metà luglio e che scadrà il 22 ottobre, prevede un premio di 1000 euro per ognuno dei nove progetti vincitori ma soprattutto la possibilità di promuovere e sviluppare l'idea su tutto il territorio regionale attraverso la messa in rete gestita da addetti ai lavori.

L'iniziativa, realizzata in collaborazione con i CoopUp e le Confcooperative provinciali, Aiccon, Tempo Consulting e con il patrocinio della regione Emilia Romagna, è stata presentata nella sede della Camera di Commercio di Piacenza da Francesco Milza, presidente regionale di Confcooperative, dal presidente provinciale Daniel Negri e dal direttore Nicoletta Corvi. Il bando è rivolto, oltre che alle coop, anche a imprese sociali, associazioni e società che lavorano nel privato sociale. Saranno premiati quei progetti che metteranno in atto azioni concrete di due categorie: partnership per l'innovazione e innovazione organizzativa.

«Il bando Coopin - spiega Milza - rientra nelle iniziative sviluppate per festeggiare i 50 anni di Confcooperative: nel primo semestre abbiamo ricordato la storia e riconosciuto l'importanza delle persone che hanno fatto nascere la nostra associazione, ora volgiamo lo sguardo al futuro. Ci aspettiamo il coinvolgimento di realtà composte principalmente da giovani, perché in questi anni abbiamo sviluppato una forte relazione con chi si è affacciato di recente al mondo del lavoro. Sono convinto che tanti ragazzi abbiano l'approccio tipico dei cooperatori, ma devono trasformarlo in azioni pratiche». E Coopin potrebbe essere lo strumento giusto per farlo.

«L'obiettivo - sono le parole di Daniel Negri - è quello di uscire dai nostri confini e sviluppare insieme ad altre realtà processi di comunicazione e di organizzazione aziendale; un modo per crescere insieme e per sviluppare ulteriormente il nostro backgound».

Confcooperative infatti non vuole fermarsi, nonostante negli ultimi anni, in un periodo di crisi conclamata, abbia fatto registrare un aumento del 40 per cento di occupati, per un totale di 23mila posti di lavoro in più. «Ma noi - sono le parole di Milza - continuiamo a metterci in discussione».

Adesso con il bando Coopin si punta anche a coinvolgere le realtà del territorio. «Ci aspettiamo un'adesione importante - spiega la Corvi - dalle realtà piacentine. L'occasione è ghiotta, sappiamo tutti che nella nostra provincia vantiamo eccellenze in grado di lavorare alla grande, adesso è arrivato il momento di mostrare tutte le nostre qualità anche all'esterno».

Dopo la scadenza del 22 ottobre una commissione definirà entro il 10 novembre i progetti vincitori che saranno premiati nel corso di un evento in calendario a dicembre. Il bando completo dell'iniziativa si può scaricare dal link coopin.confcooperativemiliaromagna.it