QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

MODENA: AL CENTRO SCOLASTICO LA CAROVANA INCONTRO CON IL PROF EGAN, ESPERTO MONDIALE DI DIDATTICA

In programma domani - sabato 8 settembre – presso la sede di via E. Piccinini 30 

MODENA: AL CENTRO SCOLASTICO LA CAROVANA INCONTRO CON IL PROF EGAN, ESPERTO MONDIALE DI DIDATTICA

Giornata modenese domani - sabato 8 settembre – per il prof. Kieran Egan, considerato uno dei massimi esperti a livello mondiale nel rinnovamento della scuola.

Egan è ospite alle 11 del centro scolastico La Carovana, a Modena. Nello scorso anno scolastico le scuole gestite dalla cooperativa sociale La Carovana hanno avviato il progetto elaborato dal prof. Egan e diffuso in tutto il mondo con il nome “Learning in depht” (apprendimento in profondità).

«Ritengo che il progetto permetta agli alunni di sperimentare come immaginazione e rigore siano elementi complementari nello studio - spiega Gabriela Kelm, dirigente scolastico della secondaria di primo grado gestita da La Carovana - Esso diviene quindi prezioso aiuto per promuovere competenza, in particolare per imparare a imparare. La visita del prof. Egan è molto attesa dagli insegnanti delle nostre scuole, in quanto occasione di dialogo e verifica sul lavoro svolto e progettazione del nuovo lavoro».

L'anno scorso sono stati coinvolti 89 bambini della scuola d'infanzia, 70 alunni del terzo anno della primaria e 45 ragazzi del primo anno della secondaria.

Ogni settimana, all'interno dell'orario curricolare, era prevista un'ora in cui ogni alunno si dedicava allo studio dell'argomento che gli era stato assegnato per diventarne esperto. Ogni studente è stato affiancato da un insegnante tutor, a cui rivolgersi per essere aiutato a proseguire nella sua indagine e a sistematizzare i dati raccolti.

La sperimentazione prevedeva anche momenti in cui ogni “ricercatore” presentava i risultati della propria ricerca pubblicamente.

Alunni e insegnanti, iniziando a verificare la proposta, si sono mostrati soddisfatti, tanto da decidere non solo di continuare la sperimentazione anche nell'anno scolastico 2018/2019, ma di estenderla a un maggior numero di classi.