QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

I PRODOTTI AGROALIMENTARI COOPERATIVI TENGONO BANCO ALL'ISTITUTO VERGANI NAVARRA

Lunedì 19 novembre Confcooperative FedAgriPesca ha organizzato un incontro su questo tema presso il polo scolastico ferrarese

I PRODOTTI AGROALIMENTARI COOPERATIVI TENGONO BANCO ALL

Prosegue l'attività di promozione cooperativa nelle scuole portata avanti da FedAgriPesca Confcooperative Emilia Romagna che lunedì 19 novembre ha organizzato un incontro su questo tema a Ferrara presso il Polo Scolastico "Vergani - Navarra", sede Orio Vergani. Daniele De Leo, agronomo esperto in produzioni DOP e IGP, Davide Pieri di FedAgriPesca Confcooperative Emilia Romagna, Andrea Galli di Agripat e Vadis Paesanti, Vicepresidente di FedAgriPesca Confcooperative Emilia Romagna, hanno dialogato con gli alunni di tre classi di terza, in totale una cinquantina di ragazzi.

Nel corso dell'originale lezione De Leo, esperto in comunicazione agroalimentare con particolare attenzione alle tipicità territoriali (DOP – IGP), ha sollecitato gli studenti coinvolgendoli nelle riflessioni ed alternando la parte teorica con alcune prove pratiche ed improvvisazioni.

Gli alunni sono stati così chiamati a creare un ristorante cooperativo che, dopo una rapida consultazione dell'ipotetico Consiglio di Amministrazione, è stato nominato “La Parulaza”, specializzato nella preparazione di piatti tipici locali.

Davide Pieri, di FedAgriPesca Confcooperative Emilia Romagna, e De Leo hanno partecipato attivamente alle varie fasi dell'incontro, sottolineando i valori distintivi del sistema cooperativo e l'importanza della cooperazione in Emilia Romagna, in tutti i settori, non solo nell'agroalimentare.

Per poter emergere in un mercato sempre più indifferenziato, occorre puntare sul saper fare, sull'orgoglio, la passione e la tradizione che da sempre contraddistinguono le donne e gli uomini di questa regione, saperi che oggi possono fare la differenza e costituiscono un “tesoro” da far fruttare.

Il Vicepresidente di FedAgriPesca di Confcooperative Emilia Romagna Vadis Paesanti, dopo aver ricordato di aver frequentato proprio quei banchi di scuola parecchi anni fa, ha raccontato le sue esperienze e ha illustrato la realtà della Sacca di Goro, un'ampia laguna racchiusa tra il Po di Goro e il Po di Volano, raggiungibile attraverso le strade che conducono a Goro e Gorino Ferrarese. La Sacca è la più importante a livello europeo ed è un'area conosciuta per la produzione di molluschi, in particolare le vongole che in questi fondali sabbiosi, profondi in media 60-70 centimetri con un massimo di 2 metri, trovano il loro habitat ideale per accrescersi e svilupparsi. Paesanti ha sottolineato agli studenti che l'acqua della Sacca, anche se torbida alla vista, è talmente pulita che si potrebbe bere ed ha parlato dell'ultima arrivata fra le produzioni ittiche, ovvero l'ostrica oro dal bel colore dorato del guscio, riprodotta dal Prof. Turolla, che raggiungerà circa i 60 quintali nella prima produzione; infine, ha anche spiegato ai ragazzi come preparare velocemente un gustosissimo piatto di spaghetti alle vongole, consigli che potranno essere utili a questi futuri chef quando entreranno nel mondo del lavoro.

Andrea Galli, direttore di Agripat, ha raccontato ai ragazzi l'importanza della sua Associazione per la rappresentanza dei produttori di patate; oggi Agripat conta 1.023 agricoltori, di cui 266 direttamente associati e 757 associati tramite le 8 cooperative aderenti. Agripat rappresenta così più del 10% delle patate prodotte in Italia per il mercato del fresco. La patata è una coltivazione povera, ma è fondamentale anche nelle nostre zone e costituisce una componente insostituibile della tradizione alimentare di numerosi Paesi; è infatti la specie maggiormente coltivata dopo i cereali (frumento, riso e mais). In Emilia Romagna, regione al primo posto in Italia come quantità prodotte, avere un'associazione unica rafforza il ruolo dei produttori. Lo scopo rimane sempre quello di valorizzare al meglio le produzioni.

A tutti gli studenti è stata distribuita la guida “Emilia Romagna – Il Gusto della Cooperazione”, che è il filo conduttore delle lezioni.

L'incontro, che si è concluso con un festoso assaggio di alcuni prodotti portati dagli originali docenti, è stato curato e realizzato grazie alla disponibilità ed alla passione dei professori Elda De Marco, Alessandra Gunalachi, Maria Rosaria Testa, Luca Farinelli, Donato Greco, coordinati dalla responsabile del Polo Scolastico, Dott.ssa. Roberta Monti.