QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

I PRODOTTI AGROALIMENTARI COOPERATIVI IN CATTEDRA ALL'ISTITUTO 'ARTUSI' DI RIOLO TERME

Riflettori puntati in particolare sull'olio extra vergine di oliva di Brisighella caratterizzato dalla denominazione “BRISIGHELLA DOP”,

I PRODOTTI AGROALIMENTARI COOPERATIVI IN CATTEDRA ALL

Presso l'istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Riolo Terme si è svolto uno degli incontri di promozione cooperativa nelle scuole con Daniele De Leo, agronomo esperto in produzioni DOP e IGP, Davide Pieri di Confcooperative Emilia Romagna, con tre classi di terza (in tutto una settantina di ragazzi), che ha visto la partecipazione anche di Franco Spada, presidente del Consorzio del “Brisighella D.O.P.”.

Alla lezione svolta in aula magna i ragazzi hanno risposto positivamente alle sollecitazioni proposte in maniera molto interattiva e, durante l'anomala lezione, si è spaziato sul mondo cooperativo coinvolgendo i giovani nelle riflessioni ed alternando gli interventi di studio con prove pratiche ed improvvisazioni.

A tutti gli studenti è stata distribuita la guida “Emilia Romagna – Il Gusto della Cooperazione”, che rappresenta il filo conduttore delle lezioni.

Franco Spada ha letteralmente rapito i giovani allievi raccontando e spiegando la storia della Cooperativa Agricola Brisighellese CAB, nata da un'idea di 16 viticoltori nel lontano 1962 e che dal 1971 si è arricchita di un frantoio per realizzare la molitura delle olive tipiche e diffuse nella zona.

Dal 1996 l'Unione Europea ha concesso il riconoscimento della DOP (Denominazione di Origine Protetta) all'olio extra vergine di oliva di Brisighella con la denominazione “BRISIGHELLA DOP”, olio famoso in tutto il mondo che garantisce il reddito agli agricoltori, olio che ha raccolto in un consorzio di cui  (vite e olivo sono colture diffuse in tutta la vallata del Lamone).

Numerosi i momenti di interazione con i ragazzi, curiosi di conoscere anche note tecniche, sia dal punto di vista organolettico che nutrizionale; a questo proposito, sono risultati utili anche alcuni “giochi” proposti da De Leo che hanno condotto i ragazzi ad effettuare alcune considerazioni sulle caratteristiche dei prodotti e sul loro utilizzo.

Davide Pieri, di Fedagri Confcooperative Emilia Romagna, insieme a De Leo ha partecipato alle varie fasi dell'incontro, sottolineando l'importanza ed i valori distintivi del sistema cooperativo e dell'importanza del mondo cooperativo in Emilia Romagna, in tutti i settori non solo nel comparto agroalimentare; durante l'incontro, gli studenti sono stati ampiamente coinvolti ed hanno dimostrato un'ottima preparazione.

L'incontro, che si è concluso con un festoso assaggio dei prodotti portati dagli originali docenti, è stato curato e realizzato grazie alla disponibilità del professor Sergio Scalegni, coadiuvato dal collega nutrizionista Luca La Fauci che ha seguito e condiviso tutti i momenti dell'incontro.