QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

I DIALOGHI DI CONFCOOPERATIVE BOLOGNA: CINQUE PAROLE PER LA COOPERAZIONE

Grande partecipazione mercoledì 7 febbraio per l'appuntamento dedicato alla Mutualità, prima tappa di un percorso formativo e identitario per amministratori di società cooperative

I DIALOGHI DI CONFCOOPERATIVE BOLOGNA: CINQUE PAROLE PER LA COOPERAZIONE

Sala gremita al Palazzo della Cooperazione di Bologna per il primo appuntamento con "I dialoghi di Confcooperative Bologna. Cinque parole sulla per la cooperazione", un percorso formativo e identitario per amministratori di società cooperative, coordinato dal prof. Giuliano Nicolini, che ha preso avvio mercoledì 7 febbraio e si concluderà il 29 marzo. Incentrato sulla parola Mutualità, il seminario ha rappresentato un'occasione per ragionare e confrontarsi su cosa significa oggi mutualità e come si può applicarla all'azione quotidiana della cooperativa, nonché per interrogarsi se è sufficiente escludere lo scopo lucrativo per parlare di mutualità.

A guidare i numerosi partecipanti presenti ieri a Palazzo della Cooperazione in questo interessante percorso finalizzato ad individuare le risposte concrete a queste domande, Luigino Bruni - Economista e storico del pensiero economico. Editorialista di Avvenire, è ordinario di economia politica alla LUMSA dopo aver ricoperto fino al 2012 il ruolo di professore associato all'Università di Milano-Bicocca. Insieme a Stefano Zamagni, è promotore e cofondatore della SEC - Scuola di Economia Civile.

Alla relazione iniziale di Luigino Bruni sono seguite le testimonianze della cooperativa CoProB (rappresentata dal vice presidente Piero Cavrini) e della cooperativa Agribioenergia (con il presidente Michele Filippini).

Il prossimo appuntamento si terrà, sempre presso il Palazzo della Cooperazione di Bologna, giovedì 1° marzo, alle ore 17.00, e si incentrerà sulla parola Governance. La riflessione sarà guidata da Mario Mazzoleni - Professore Associato presso il Dipartimento di Economia e Management dell'Università di Brescia e professore incaricato di “Strategia e politica delle ONP" presso l'Università degli studi di Bologna/Forlì.