QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

GOI, GRUPPI OPERATIVI DI INNOVAZIONE: UN'OPPORTUNITA' DEL PIANO DI SVILUPPO RURALE. COME FUNZIONANO?

Martedì 17 luglio, Artemis e Confcooperative Forlì-Cesena offrono ad imprenditori e manager un seminario di informazione a Cesena

 

GOI, GRUPPI OPERATIVI DI INNOVAZIONE: UN

Lavorare Insieme per Innovare attraverso i GOI - Gruppi Operativi Di Innovazione” è il filo conduttore  del seminario che si tiene martedì 17 luglio a Cesena (ore 9.00 – 12,30) per approfondire le opportunità che il Piano di Sviluppo Rurale offre con nuovi bandi relativi alla Misura 16. Si tratta di una Misura predisposta per favorire il legame tra mondo produttivo agricolo, agroindustriale e forestale e quello della ricerca con l'obiettivo di agevolare il trasferimento e l'implementazione dell'innovazione tecnologica, ma anche organizzativa e sociale.

Il convegno organizzato da Artemis  in collaborazione con Confcooperative, si tiene alla Sala Tecnovie in Via dell'Arrigoni, 120. E' finalizzato alla creazione di Gruppi Operativi che, attraverso lo scambio di conoscenze e il dialogo tra i diversi attori coinvolti,  perseguano  l'obiettivo di sviluppare nuovi prodotti ed efficienza produttiva nell'ambito dello sviluppo,  della sostenibilità e della sperimentazione tecnologica in agricoltura. Infatti i nuovi bandi sulla Misura 16 del PSR dell'Emilia Romagna prevedono importanti contributi a fondo perduto (fino al 100%) per le aziende che investono in progetti di innovazione.

Il programma della mattinata

La società ARTEMIS e CONFCOOPERATIVE FORLÌ CESENA presentano due relatori in grado di trasmettere ai partecipanti le prime conoscenze e le competenze necessarie alla costituzione e alla gestione dei Gruppi Operativi di Innovazione.

Per partecipare ai Bandi dell'Operazione 16.1.01 è necessario conoscerne il funzionamento, che viene illustrato da Patrizia Alberti del Servizio Innovazione, Qualità, Promozione e Internazionalizzazione dell'Agroalimentare della Regione Emilia-Romagna.

Antonella Casella, Analista Transazionale certificata in campo Organizzativo parla, per ARTEMIS, delle azioni specifiche che permettono ai gruppi di lavorare in modo efficace.

I laboratori successivi sono finalizzati ad applicare e assimilare quello che le due relatrici hanno illustrato.

Il Giornalista Cristiano Riciputi modera i lavori della mattinata.

Per informazioni sull'evento è a disposizione la segreteria di Confcooperative Fc: 0543/1995882 - email: forli@confcooperative.net

 

La scheda

I Gruppi Operativi per l'Innovazione sono finanziati dal Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna, per costruire legami e filiere a favore delle imprese del nostro territorio.

Scopo del Seminario è comunicare le opportunità che il Piano di Sviluppo Rurale offre con nuovi bandi relativi all'Operazione 16.1.01 del PSR dell'Emilia-Romagna.

L'obiettivo dell'Operazione 16.1.01 è quello di favorire il legame tra mondo produttivo agricolo, agroindustriale e forestale e quello della ricerca per agevolare il trasferimento e l'implementazione dell'innovazione tecnologica e organizzativa.

I nuovi bandi sulla Misura 16.1.01 prevedono importanti contributi a fondo perduto fino al 100% per le aziende che investono in progetti di innovazione.

Il contributo è accordato a Gruppi Operativi (GO) del Partenariato Europeo per l'Innovazione già costituiti, o ad imprese che si impegnino a costituirsi in GO qualora vincitrici del bando, con l'obbligo che ci sia un'impresa del settore agricolo, un soggetto di ricerca/sperimentazione del settore pubblico o privato.  Possono inoltre partecipare alla costituzione dei GOI enti di formazione e consulenti del settore agroalimentare; aziende agroindustriali di trasformazione e/o commercializzazione di prodotti; organizzazioni professionali ed interprofessionali del settore agricolo.

I progetti devono essere finalizzati a migliorare le prestazioni economiche delle aziende agricole, incoraggiandone la ristrutturazione, l'ammodernamento e la diversificazione delle attività a sostegno del reddito.

Specifici capitoli sono dedicati anche al miglioramento della gestione delle risorse idriche, all'utilizzo di fonti di energia rinnovabili, alla riduzione delle emissioni di gas serra.