QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

CEFF, SABATO 10 GIUGNO INAUGURAZIONE NUOVA SEDE

Nel quadro delle celebrazioni per il 40° anniversario sabato 10 giugno alle ore 11.30 la cooperativa sociale, presenta alla comunità e ai portatori di interesse i locali della sede ristrutturata di via Risorgimento 2 e 4.

CEFF, SABATO 10 GIUGNO INAUGURAZIONE NUOVA SEDE

L'unificazione delle sedi operative in via Risorgimento è stata fatta per meglio perseguire la mission e gli obiettivi della Cooperativa: offrire alle persone con disabilità e/o condizioni di fragilità e svantaggio servizi, occasioni per lo sviluppo della propria autonomia e per l'inserimento lavorativo e sociale.

L'importante investimento economico realizzato ha permesso di dare una nuova e più funzionale sede al Centro Socio Occupazionale Il Sentiero; unificare in un unico reparto le due officine di assemblaggio che ora sono un'unica Officina Sociale con maggiori potenzialità produttive e formative; organizzare meglio la logistica dell'0fficina CNC (centri di lavoro a controllo numerico) e del Centro Stampa digitale; offrire adeguate strutture di supporto per le Unità Operative esterne Ambiente, Pulizie civili e industriali e Servizi per il verde.

La CEFF si presenta quindi alla celebrazione del 40° anniversario dalla fondazione con un volto nuovo, per essere adeguata ai cambiamenti che la crisi di questi anni ha imposto. L'impegno personale e collettivo di lavoratori, soci e volontari è stato grande e ha portato a importanti risultati in tempi brevi.

“Per quanto possibile nella nostra esperienza, – dichiara il presidente Pier Domenico Laghi -  ci siamo sforzati di raccogliere l'invito di Papa Francesco al mondo della cooperazione: non fermatevi a guardare soltanto quello che avete saputo realizzare. Continuate a perfezionare, a rafforzare e ad aggiornare le buone e solide realtà che avete già costruito. Però abbiate anche il coraggio di uscire da esse, carichi di esperienza e di buoni metodi, per portare la cooperazione sulle nuove frontiere del cambiamento, fino alle periferie esistenziali dove la speranza ha bisogno di emergere …”.