QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

JOBSAFER SUL GRADINO PIU' ALTO DEL PODIO ALLA CALL DI INNOVAMI

La start up costituita da CEA di Calderara di Reno (BO) e DigiPax di Senigallia (AN) per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro si è aggiudicata il primo premio del valore di 10.000 Euro

 

 

JOBSAFER SUL GRADINO PIU

La start up Jobsafer, costituita da CEA (Cooperativa Edile Appennino di Calderara di Reno - BO) e DigiPax di Senigallia (AN), ha vinto la prima edizione della competizione promossa dall'incubatore di imprese INNOVAMI di Imola insieme a PiùSicurezza con l'obiettivo di individuare proposte innovative e tecnologie all'avanguardia per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro.

Il verdetto è stato ufficializzato nell'ambito dell'evento “Open Innovation for a safer workplace. Startup e idee innovative per la sicurezza sul lavoro” svoltosi a Imola presso l'Auditorium della SACMI. In palio un montepremi complessivo di 26.000 Euro, tra gratifiche in denaro e servizi per far decollare le migliori idee.

Sul gradino più alto del podio è salita Jobsafer®, un'applicazione sviluppata dalla società omonima per monitorare l'impiego da parte dei lavoratori dei Dispositivi di Protezione Individuali (DPI); si tratta quindi di un'innovazione tecnologica destinata a rivoluzionare l'attività quotidiana nei cantieri per quanto riguarda il rispetto delle norme di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Jobsafer® si è aggiudicata il primo premio di 10.000 Euro, composto da 3.000 Euro in denaro ed il corrispettivo di 7.000 Euro per servizi che comprendono la possibilità di incubazione “diffusa” per 3 mesi, un percorso di mentoring da parte di esperti ed una campagna di comunicazione per dare visibilità al progetto.

“Siamo molto felici e orgogliosi di aver ricevuto questo riconoscimento che conferma il nostro impegno per garantire la sicurezza dei lavoratori e fornire servizi avanzati alle aziende – dichiara Giuseppe Salomoni, fondatore e presidente di CEA -. Jobsafer® è un'applicazione brevettata che risponde perfettamente alla filosofia di INNOVAMI e in particolare di questa competizione, focalizzata sulle idee innovative per la tutela della sicurezza e della salute sul lavoro”.

“Attraverso una serie di sensori installati direttamente sui Dispositivi di Protezione Individuali (DPI) ed una applicazione per smartphone – dichiara Francesco Di Genova, CEO di DigiPax, che sviluppa e gestisce il software di Jobsafer®  – questa app è in grado di controllare che ogni lavoratore indossi casco, guanti, occhiali e abbigliamento anti-infortunistico nel rispetto delle leggi per la sicurezza. L'applicazione interviene in caso di dimenticanza di un dispositivo, avvisando il lavoratore e il responsabile del cantiere con un sistema di alert collegato agli smartphone”.

“Il settore edile – sottolinea Salomoni – non è l'unico in cui può essere impiegato Jobsafer®, che rappresenta infatti una grande opportunità per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro anche in altri ambiti, dai trasporti ai servizi fino alla logistica e all'industria”.

La start up Jobsafer è stata selezionata fra i 3 finalisti scelti su 60 partecipanti arrivati da ogni parte d'Italia per prendere parte alla “gara” sull'open innovation promossa dall'incubatore imolese nato nel 2005 con l'obiettivo di stimolare l'innovazione nelle imprese.