QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

A PIACENZA ARRIVA IN PIAZZA LA PROMOZIONE COOPERATIVA NELLE SCUOLE

Nell'ambito della kermesse “Piacenza è un mare di sapori”, svoltasi il 28 e 29 settembre, si sono svolte due mattinate dedicate a questo tema

A PIACENZA ARRIVA IN PIAZZA LA PROMOZIONE COOPERATIVA NELLE SCUOLE

Nell'ambito della kermesse “Piacenza è un mare di sapori”, sia venerdì 28 che sabato 29 settembre Confcooperative Piacenza e Confcooperative Emilia Romagna hanno organizzato una mattinata in piazza di promozione cooperativa per le scuole, che ha visto coinvolte 1 classe di quarta e 3 classi di quinta dell'Istituto Agrario ed Alberghiero Marco Raineri.

All'incontro erano presenti Daniele De Leo, agronomo esperto in produzioni DOP e IGP; Davide Pieri di Fedagripesca Confcooperative Emilia Romagna; Matteo Marenghi, responsabile di Fedagripesca Piacenza; Francesco Rastelli Presidente di Fedagri Piacenza e di CO.P.A.P.; Giancarlo Pedretti, Presidente della latteria “Stallone”, con il Casaro Alberto Bonini.

I giovani che hanno partecipato all'iniziativa hanno mostrato una buona preparazione e competenza, rispondendo positivamente alle sollecitazioni proposte durante l'anomala lezione condotta in maniera molto interattiva. Complessivamente, nelle due mattinate sono stati coinvolti circa 70 ragazzi alternando gli interventi di studio con prove pratiche ed improvvisazioni.

A tutti gli studenti è stata distribuita la guida “Emilia Romagna – Il Gusto della Cooperazione”, che rappresenta il filo conduttore delle lezioni, insieme ai dépliant illustrativi della singole realtà rappresentate dai partecipanti all'incontro.

De Leo si è soffermato sulle specificità delle produzioni di eccellenza DOP (Denominazione Geografica Protetta) ed IGP (Identificazione Geografica Protetta), nelle quali l'Emilia Romagna eccelle in Italia ed in Europa, proponendo anche un report riassuntivo dei dati europei. Pieri ha sottolineato come molte di queste produzioni vengano trasformate all'interno del sistema cooperativo che in Emilia Romagna in tante filiere agricole rappresenta oltre il 50% dell'intera produzione regionale.

Matteo Marenghi di Confcooperative Piacenza, oltre ad aver presentato un excursus sulla viticoltura piacentina, ha poi evidenziato l'importanza ed i valori distintivi delle realtà cooperative, presidio territoriale e luogo naturale dove cercare risposte ai bisogni sempre più mutevoli della società attuale, tanto che oggi bisogna fornire un'assistenza completa, a 360° , dai servizi pubblici a quelli alla persona.

Francesco Rastelli ha illustrato la storia di CO.P.A.P., Cooperativa Produttori Aglio Piacentino, nata nel 1976 dall'unione di diverse aziende agricole della provincia di Piacenza con lo scopo di salvaguardare e migliorare la produzione di una varietà locale d'aglio bianco piacentino, altamente apprezzata da coltivatori e consumatori sia in Italia che all'estero.

Da oltre 35 anni, CO.P.A.P. svolge l'attività di lavorazione, conservazione, confezionamento e commercializzazione dei prodotti freschi, in particolare di aglio bianco piacentino, cipolla, scalogno e pomodoro da mercato. La ricchezza aromatica, l'alta concentrazione di allicina e la capacità di conservarsi a temperatura ambiente senza alterare le sue qualità organolettiche fanno dell'aglio bianco piacentino CO.P.A.P. un bulbo pregiato definito dagli esperti l'oro bianco.

CO.P.A.P., grazie all'esperienza dei propri soci (coltivatori esperti della varietà locale di aglio piacentino bianco), ha incrementato progressivamente le proprie attività dotandosi di moderne strutture e attrezzature per la lavorazione e commercializzazione di prodotti orticoli.

Il Presidente Giancarlo Pedretti ha parlato della Latteria Sociale Stallone, fondata nel dopoguerra nel 1946 da ventisei proprietari e affittuari di fondi rustici della zona; oggi è costituita da 13 soci e dai 9.000 quintali di latte annui che venivano conferiti negli anni 40/50 oggi vengono trasformati 95.000 quintali di latte ogni anno, per ottenere circa 85/90  forme di Grana Padano Dop  al giorno.

Il Grana Padano è un formaggio DOP che, come prevede il Disciplinare Produttivo, deve essere prodotto con latte crudo di vacca, proveniente da non più di due munte giornaliere e prodotto solo in caseifici autorizzati dal CSQA (ente unico per la certificazione del formaggio Grana Padano).

La mattinata di sabato 29 settembre è stata arricchita anche dall'intervento di Giuliano Zuppiroli, responsabile della valorizzazione territoriale delle produzioni agro-alimentari all'Assessorato Agricoltura e pesca, che ha dialogato con i ragazzi, complimentandosi per il percorso intrapreso e per l'impegno di essere alfieri dell'Emilia Romagna e delle sue produzioni di eccellenza. L'incontro, che si è concluso con un festoso assaggio di alcuni prodotti portati dagli originali docenti, è stato curato e realizzato grazie alla disponibilità del professor Roberto Belli, Presidente del Consorzio dei Salumi Piacentini ed imprescindibile organizzatore della kermesse.