QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

IMPRESE FEMMINILI, 1.000 IN PIU' IN EMILIA ROMAGNA. I DATI DEL FOCUS CENSIS-CONFCOOPERATIVE

Sfiorano quota 94mila registrando un ritmo di crescita dell'1,1% tra il 2014 e il 2016

IMPRESE FEMMINILI, 1.000 IN PIU

Sfiorano quota 94mila le imprese femminili in Emilia-Romagna registrando un ritmo di crescita tra il 2014 e il 2016 dell'1,1%, quando in regione ne sono nate oltre mille in più. Lo si evince dal focus Censis/Confcooperative “Donne al lavoro, la scelta di fare impresa” presentato a Roma. A livello nazionale, su un totale di 6 milioni e 74mila imprese registrate, il 21,8% (1,32 milioni) è guidato da donne. Fra il 2014 e il 2016 l'incremento delle imprese femminili è stato dell'1,5%, il triplo rispetto alla crescita del sistema imprenditoriale che non è andato oltre lo 0,5%.

“Le performance della nostra regione risultano soddisfacenti – commenta il presidente di Confcooperative Emilia Romagna, Francesco Milza. Soltanto in due province su nove si registra una leggerissima flessione con un tasso di femminilizzazione delle imprese al 20,4% siamo sostanzialmente in linea con il trend nazionale. Non mancano poi punte di eccellenza: nella provincia di Ferrara il tasso di femminilizzazione supera di oltre un punto alla percentuale nazionale, mentre le province di Bologna e Modena hanno registrato incrementi superiori alla media”.

La nostra regione si conferma all'avanguardia anche nella cooperazione al femminile. “Con oltre 1.600 consigliere, il 22% dei consigli di amministrazione delle nostre cooperative è composto da donne – aggiunge Milza -, mentre sono 318 le cooperative a governance femminile”.