QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

CONSITAL SI CONSOLIDA E COMPLETA UN TRIENNIO LARGAMENTE POSITIVO

Celestino Sangiovanni confermato presidente. Il fatturato medio è risultato di 20 milioni di euro

CONSITAL SI CONSOLIDA E COMPLETA UN TRIENNIO LARGAMENTE POSITIVO

L'Assemblea dei Soci del CONSITAL - il consorzio nazionale delle costruzioni aderente a Confcooperative - ha approvato il bilancio 2016 che, ancora una volta, si è chiuso con un risultato del tutto positivo. Quello presentato ai Soci in questa circostanza è un bilancio di mandato, a tre anni dalla nascita del Consorzio, che evidenzia la piena riuscita del “progetto” CONSITAL: il fatturato medio annuo nel triennio è risultato di 20 milioni di euro, la patrimonializzazione ha raggiunto i 500 mila euro, la posizione finanziaria netta si è mantenuta largamente attiva, con un'esposizione nei confronti delle banche pari a zero; l'attuale portafoglio lavori, prossimo ai 50 milioni di euro, costituisce una solida base per lo sviluppo.

“Quello che viene consegnato al termine del primo mandato triennale - ha sottolineato Celestino Sangiovanni, poi riconfermato Presidente - è un Consorzio sano, che si sta caratterizzando per la sua serietà e che ha le carte in regola per diventare sempre più protagonista del mercato. In poche parole possiamo affermare, senza timori di smentite, che il CONSITAL rappresenta oggi un valore. Vero e tangibile”.

Intervenendo all'Assemblea, il Presidente di Confcooperative Maurizio Gardini ha ricordato i difficili passaggi che hanno caratterizzato la nascita del CONSITAL ed ha espresso la sua grande soddisfazione per il risultato conseguito, niente affatto scontato, anche perché collocato in una congiuntura economica assai critica. Gardini ha poi sottolineato il ruolo svolto dall'Organizzazione, sempre al fianco del Consorzio, ed ha dato atto della posizione di riferimento ormai assunta dal CONSITAL come Consorzio nazionale delle costruzioni. Concludendo il suo intervento, il Presidente Gardini ha invitato i Soci a credere sempre di più nella struttura e ad andare verso un conferimento di sovranità nei confronti del Consorzio, che renderà il CONSITAL ancora più forte e produrrà utilità per tutti.