QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

CONFCOOPERATIVE EMILIA ROMAGNA SIGLA PROTOCOLLO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO

Previsti percorsi per studenti delle classi terze, quarte e quinte delle scuole secondarie di secondo grado, per almeno 200 ore complessive nei licei e 400 ore complessive per gli istituti tecnici e professionali nell'arco del prossimo triennio

CONFCOOPERATIVE EMILIA ROMAGNA SIGLA PROTOCOLLO ALTERNANZA SCUOLA - LAVORO

Il presidente di Confcooperative Emilia-Romagna, Francesco Milza e il direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, Stefano Versari hanno firmato un protocollo d'intesa triennale per la realizzazione di attività di alternanza scuola-lavoro con le scuole della regione. 

Il Protocollo prevede percorsi di alternanza scuola-lavoro rivolti agli studenti delle classi terze, quarte e quinte delle scuole secondarie di secondo grado, per almeno 200 ore complessive nei licei e 400 ore complessive per gli istituti tecnici e professionali nell'arco del triennio. 

In attuazione dell'intesa, Confcooperative comunicherà annualmente alle scuole - entro il mese di settembre e per il tramite dell'Ufficio scolastico regionale - le cooperative disponibili, gli indirizzi di studio coerenti con gli ambiti di operatività di ciascuna di esse, il numero di studenti accoglibili, i riferimenti di contatto, il periodo di svolgimento e ogni altro elemento utile alla realizzazione delle attività di alternanza scuola-lavoro. Per il corrente anno scolastico le disponibilità saranno rese note entro il mese di gennaio 2017 e le attività potranno essere realizzate a partire da marzo e fino a luglio/agosto 2017.                                                                             

 “Questo protocollo, che dà seguito a quello siglato a livello nazionale con il ministero dell'Istruzione - sottolinea Milza -  mette a disposizione del sistema scolastico e delle future generazioni, anche l'eterogeneità economica del sistema cooperativo dell'Emilia Romagna. Riteniamo, che i principi cooperativi quali, mutualità, solidarietà, pariteticità, siano un modello economico e formativo, soprattutto in una fase come quella attuale, dove la partecipazione di chi lavora in azienda rappresenta uno dei fattori competitivi. Questo accordo inoltre, consente di mettere in rete anche le iniziative di collaborazione già in essere con numerosi Istituti scolastici della nostra Regione, dove grazie all'azione delle nostre Unioni territoriali, scuole e cooperative sono già in relazione. Il nostro obiettivo è anche quello di creare opportunità per le nuove generazioni di conoscere e sperimentare un luogo di lavoro e per le aziende un'occasione in più per conoscere e poter apprezzare la capacità e l'intraprendenza di tanti giovani”.
“Con l'individuazione di soggetti disponibili ad attivare percorsi di alternanza scuola-lavoro nell'ambito delle cooperative e consorzi aderenti a Confcooperative - aggiunge Versari - si arricchisce ulteriormente l'offerta formativa delle scuole secondarie di II grado dell'Emilia-Romagna, rendendo possibile agli studenti la realizzazione dei percorsi di alternanza scuola-lavoro nei molteplici ambiti operativi delle imprese cooperative. Tale opportunità - conclude Versari - consentirà ai nostri ragazzi di approfondire i valori dell'impresa cooperativa e della mutualità nell'imprenditoria".