QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

CONFCOOPERATIVE EMILIA ROMAGNA A VALENCIA CON IL PROGETTO COMPETE IN

E' finalizzato a sostenere le PMI interessate all'internazionalizzazione, grazie al miglioramento dei servizi offerti da Regioni e Municipalità come soggetti di governance facilitatori di tale processo

CONFCOOPERATIVE EMILIA ROMAGNA A VALENCIA CON IL PROGETTO COMPETE IN

Il 13 e il 14 dicembre, Confcooperative Emilia Romagna, ha partecipato a una study visit organizzata nell'ambito del progetto Interreg Europe Compete In. Compete In, è un progetto quinquennale, finalizzato a sostenere le PMI interessate all'internazionalizzazione, grazie al miglioramento dei servizi offerti da Regioni e Municipalità come soggetti di governance facilitatori di tale processo. Il progetto, organizzato dal Comune di Reggio Emilia, coinvolge un partenariato rappresentato da diversi paesi: Italia, con la partecipazione dell'Agenzia Regionale per lo Sviluppo Territoriale ERVET, Spagna con IVACE, il Valencia Entrepreneurship and Competitiveness Institute, Regno Unito con l'Università di Leeds, Svezia con il Comune di Gävle e Polonia con la Wielcoposka Region e la Upper Silesian Agency for Entrepreunership and Development. Il progetto prevede study visit presso le realtà dei paesi partner, a cui sono stati invitati gli stakeholder, soggetti capaci di cooperare insieme nel comune intento di favorire le PMI del territorio ad affrontare i mercati esteri. Confcooperative E.R. ha partecipato alla study visit a Valencia, in qualità di stakeholder di ERVET, per conoscere le buone prassi relative all'internazionalizzazione, in particolar modo per quanto riguarda la penetrazione dei territori esteri, l'attrazione degli investimenti e la cooperazione interregionale e internazionale. Il progetto verte attorno a una nuova metodologia: affrontare i processi di internazionalizzazione, non rivolgendosi esclusivamente alle PMI ma coinvolgendo anche le diverse competenze dei sistemi regionali. Il processo di ricerca si sviluppa quindi attraverso l'implementazione di workshops, incontri ed iniziative internazionali finalizzati allo scambio delle sopra citate buone prassi. 

La study visit a Valencia

La mattinata del 13 dicembre si è aperta con i saluti di Maria Dolores Parra, Responsabile e Direttore Generale dell'Area Internazionalizzazione e di Enrique del Castillo di IVACE, che hanno presentato per conto dell'organizzazione i programmi export, i servizi e i finanziamenti disponibili per le PMI. Si è presentato successivamente come buona prassi per l'attrazione degli investimenti, il DDL “One Stop Shop Law”, proposta di legge che andrà ad agevolare gli investitori esteri che intendono aprire nuovi business nella comunità valenciana, snellendo e velocizzando le pratiche amministrative e burocratiche. Partner e stakeholder del progetto sono stati in seguito ospiti della Camera di Commercio di Valencia, dove sono stati presentati i programmi XPANDE, XPANDE DIGITAL e SICOMEX finalizzati a facilitare la penetrazione nei territori esteri delle PMI valenciane. Il pomeriggio si è focalizzato infine sulla terza buona prassi, la collaborazione interregionale e internazionale: sono stati presentati i servizi di VIT EMPRENDE, agenzia municipale che offre assistenza all'imprenditoria e la Start Ups Network Association, organizzazione ombrello di start up volte alla promozione della cultura imprenditoriale nella comunità valenciana.

La giornata del 14 dicembre ha visto gli stakeholder coinvolti in side meetings con i rispettivi stakeholder spagnoli del progetto. Dopo una visita presso la City of Arts and Sciences, Confcooperative ha incontrato al Parque Tecnologico di Valencia, lo staff di AINA, centro tecnologico specializzato nell'analisi laboratoriale di composti alimentari, nel controllo qualità e nella produzione di biogas. 

Per ulteriori approfondimenti sul progetto Compete In: https://www.interregeurope.eu/competein/