QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

COME CAMBIA LA RAPPRESENTANZA ALLA LUCE DELLA RIORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA

Il tema è stato al centro del recente Consiglio Regionale di Confcooperative

COME CAMBIA LA RAPPRESENTANZA ALLA LUCE DELLA RIORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA

Il Consiglio Regionale di Confcooperative Emilia Romagna si è riunito, per la seconda volta dopo la sua elezione, il 22 settembre a Bologna alla presenza dei vertici nazionali dell'Organizzazione: il presidente Maurizio Gardini, il segretario generale Marco Venturelli e il direttore generale Fabiola Di Loreto.

Introducendo i lavori, il presidente regionale di Confcooperative, Francesco Milza, ha posto l'accento sull'attuale contesto politico generale, caratterizzato da un profondo processo di riforma e riorganizzazione amministrativa che rende necessario anche un netto cambiamento dell'azione di rappresentanza ed intermediazione svolta dalle organizzazioni imprenditoriali. Alla luce di questo scenario, il presidente Milza ha sottolineato l'esigenza di riorganizzare Confcooperative per adeguarsi al cambiamento in atto e fornire risposte sempre più puntuali alle imprese associate, svolgendo al meglio il ruolo che la società, ed in particolare le periferie, chiedono alla cooperazione.

In quest'ottica, il Consiglio ha anche dibattuto la prospettiva di costruzione dell'Alleanza delle Cooperative; dopo la realizzazione del documento approvato a Roma in gennaio dall'Assemblea dell'ACI, oggi questo processo deve proseguire con la sintesi di esperienze differenti che dovranno confluire in un'unica associazione. A tale proposito, il presidente nazionale di Confcooperative, Maurizio Gardini, ha sottolineato che gli obiettivi di riorganizzazione individuati in occasione dell'ultimo Congresso, svoltosi in maggio, sono stati in larga parte realizzati in quasi tutte le regioni del Paese.  E' giusto che anche l'Emilia Romagna, pur avendo ancora un tessuto associativo e di imprese, si ponga l'interrogativo su come in futuro potrà fornire servizi sempre più moderni ed efficienti alle cooperative tenendo conto anche della prospettiva dell'Alleanza.